Proroga Superbonus 110 confermata, ma non per tutti!

proroga-superbonus-110-confermata-ma-non-per-tutti
Arriva la proroga del Superbonus 110, ma solo per alcuni beneficiari. Il decreto legge n 59 del 6 maggio va a modificare due punti del decreto rilancio, il provvedimento che appunto regola il superbonus. Lo scopo è quello di estendere l’orizzonte temporale per le detrazioni fiscali del 110 in tutte le casistiche più complicate. Infatti ci sono categorie che non sono riuscite a utilizzare a pieno il bonus 11o, complici anche la pandemia e la scarsa digitalizzazione degli Sportelli Unici per l’edilizia.

Ma vediamo meglio quali sono i dettagli del decreto legge.

Proroga superbonus: le categorie interessate.

I destinatari della proroga sono i seguenti:

  • Condomini;

  • Persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arte o professione, con riferimento agli interventi su edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche;

  • Istituti autonomi case popolari IACP.

In particolare l’accesso del superbonus per i condomini sarà garantito fino al 31 dicembre 2022. Sarà concesso ancora più tempo agli IACP, che ne potranno usufruire fino al 30 giugno 2023 o addirittura fino a al 31 dicembre 2023 se avranno effettuato circa il 60% dei lavori complessivi. Infine, le scadenze per terminare i lavori si allungano al 31 dicembre 2022 per gli edifici posseduti da persone fisiche, a patto di aver effettuato entro il 30 giugno almeno il 60 per cento dei lavori progettati. Stiamo parlando di interventi su edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate.

Proroga superbonus 110: le misure economiche per il rilancio.

Ovviamente l’estensione temporale del superbonus richiede anche più risorse economiche. Per coprire i mesi in più, partendo dalle risorse stanziate dalla Legge di Bilancio 2021, il decreto-legge assegna 1.315,4 milioni di euro per il 2023, 1.310,9 milioni di euro per il 2024, 560,1 milioni di euro per il 2025 e 505,79 milioni di euro per il 2026.

Superbonus 110%: la soluzione di EdilGo.

Seguendo l’onda propulsiva del governo, anche Edilgo sostiene il mondo delle costruzioni in Italia. Incentiva la trasformazione digitale del settore edile, grazie ad un software innovativo con intelligenza artificiale integrata. EdilGo permette di elaborare e categorizzare un computo metrico estimativo in pochissimo tempo. I costruttori inviano le richieste createsi ai fornitori, che a loro volta rispondono con le rispettive offerte. Un rapido incontro tra domanda e offerta è ciò di cui la nostra edilizia ha bisogno. La mission di EdilGo si allinea perfettamente con quella del governo. Un settore edile più forte, meglio sostenuto, più digitale. Un Italia al passo, con edifici e infrastrutture innovative ed ecosostenibili.