C.I.L.A. Comunicazione Inizio Lavori Asseverata

La C.I.L.A. comunicazione inizio lavori asseverata  è stata introdotta nel 2010 con la Legge 73 che ha modificato l’Art. 6 del Testo Unico dell’edilizia.

C.I.L.A. Comunicazione Inizio Lavori Asseverata

Tutte le aziende registrate alla piattaforma si ritrovano a presentare la CILA per iniziare i lavori.
La C.I.L.A. comunicazione inizio lavori asseverata è uno strumento normativo che serve per realizzare interventi di manutenzione straordinaria che non toccano parti strutturali dell’edificio.
Scopri continuando la lettura cos’è a cosa serve e come si presenta la CILA  documento che viene utilizzato da tutte le realtà del mondo delle costruzioni.

Anche noi di EdilGo siamo uno strumento che aiuta tutte le aziende edili:

  • Aiutiamo i costruttori a ottimizzare i loro margini di guadagno risparmiando tempo su ogni commessa;
  • Aiutiamo i fornitori di materiali o servizi a connettersi con i costruttori per vendere e fatturare di più.

Se non conosci la nostra realtà premi qui per scoprire di più su Edilgo il software per tutte le aziende edili.

INDICE:

Cos’è la C.I.L.A. e dove presentarla ?

La C.I.L.A. Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (C.I.L.A.) è una procedura amministrativa che deve essere stabilita prima dell’inizio della ristrutturazione di appartamenti, uffici, negozi, ecc.

Questo documento normativo Deve essere obbligatoriamente predisposto dal proprio personale tecnico qualificato (ingegneri, architetti, ecc.) E presentato all’ufficio  città o comune di appartenenza.

Quando è obbligatorio fare la C.I.L.A.?

I casi in cui è obbligatorio predisporre la C.I.L.A. sono definiti dal D.L. 40 del 25.04.2010 coordinato con la legge di conversione n. 73 del 22.05.2010.

In generale, il documento è obbligatorio nel caso di modifiche di spazi interni, realizzazione di bagni e rifacimenti di impianti.

Quali documenti servono ?

I Documenti che servono per la CILA comunicazione inizio lavori asseverata sono:

  1. Atto di proprietà;
  2. Titolo abilitativo dell’opera (condono e/o progetto);
  3. Documentazione catastale (visura e planimetria);
  4. Relazione e Progetto pre e dopo la valutazione iniziale sempre a firma di un tecnico abilitato;
  5. DURC impresa esecutrice ( Documento Unico Regolarità Contributiva)

DURC

Puoi leggere il nostro approfondimento sul DURC a questo link

Ricordiamo sempre che è un documento importantissimo da inserire nella piattaforma EdilGo insieme alla Visura camerale in quanto permette di verificare il proprio profilo, permettendo a tutti i fornitori di ricevere le richieste di offerta a tutti i costruttori che hanno bisogno di materiali e servizi per un progetto di inviare le richieste.

Se non conosci ancora la nostra soluzione ti invitiamo a leggere l’articolo che tratta del nostro software, considerato un punto di svolta per l’ediliza.

Infatti EdilGo è stata selezionata tra le 150 startup che portano innovazione, sostenibilità e stanno supportato l’italia durante il covid19.

Premi il bottone se vuoi approfondire di più sulla nostra soluzione.

software-per-edilizia-edilgo

Devo fare l’accatastamento dopo la ristrutturazione ?

I casi in cui è obbligatorio effettuare una variazione catastale dell’immobile (DOCFA), successivamente ad una ristrutturazione, sono definiti dalla Circolare 1/2006 dell’Agenzia del Territorio ed è obbligatorio nel caso di modifiche murarie.

Quanto tempo occorre e quanto costa una C.I.L.A. ?

In generale, per eseguire la CILA occorre una settimana lavorativa.
Dopo il deposito della domanda i lavori di ristruttrazione possono incominciare immediatamente .

Il costo di realizzazione di una CILA varia da regione a regione, con picchi nelle grandi città:

  • ad esempio, il costo è di circa 500 euro a Roma e periferia, mentre a Milano è di 700 euro.

Cambiamenti con il covid

In definitiva:

  • a tutti gli interventi edilizi, che qui sono definiti come opere contingenti e temporanee, in relazione alla dichiarazione dello stato di emergenza COVID-19, si applica la CILA, escludendo, in sostanza, l’applicazione delle procedure relative al permesso di costruire e alla SCIA;
  • per questi interventi è obbligatorio, sempre secondo necessità, ottenere i titoli abilitativi previsti per i beni culturali;
  • è possibile mantenere le opere edilizie realizzate, che devono essere ovviamente conformi alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente.
    La domanda va presentata entro il 31 dicembre 2020 al comune competente,  adottare entro sessanta giorni dalla domanda.

EdilGo

Noi di Edilgo aiutiamo tutte le aziende edili, la nostra soluzione aiuta tutte le imprese di costruzione e i fornitori di materiali e servizi ad entrare in un vasto network per ampliare il numero dei lavori e quindi di migliorare molto i margini di guadagno attraverso diversi vantaggi che puoi scoprire premendo il bottone, oppure puoi registrati ora o visitare il nostro sito.


software-per-edilizia-edilgo

Se vuoi rimanere informato sulle ultime novità in tema di Innovazione del mondo delle costruzioni e sul Superbonus 110% allora ti consigliamo di iscriverti alla nostra newsletter cliccando qui! O di visitare il nostro blog.

Se vuoi scaricare i Requisiti tecnici e le misure del DL Semplificazioni ti basta premere qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *