Bonus edilizi, sconto in fattura e cessione: si alla proroga ma con controlli!

Nella bozza della legge di bilancio 2022, di cui abbiamo parlato nel precedente articolo, si parlava di una abolizione dello sconto in fattura per i vari bonus edilizi eccetto che per il Superbonus.

Sembrerebbe invece che le ultime consultazioni stiano portando ad un’inversione di rotta.

In base all’ultima bozza della legge di bilancio, l’intenzione sarebbe quella di prorogare il sistema introdotto per il biennio 2020-2021 dal Decreto Rilancio, che aveva previsto sconto in fattura e cedibilità del credito per:

  • recupero del patrimonio edilizio,

  • interventi di efficienza energetica,

  • misure antisismiche,

  • recupero o restauro delle facciate,

  • installazione di impianti fotovoltaici o di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici.

INDICE

Bonus edilizi: le ultime novità

Quindi quali sono le ultime novità sulle scadenze dei bonus edilizi?

Si ipotizza una proroga per tre anni, fino al 2024, della cessione del credito e dello sconto in fattura per i bonus edilizi. Rinnovati dunque gli interventi in favore di sismabonus, ecobonus (tra cui gli infissi), bonus facciate e le colonnine di ricarica.

Facciamo un breve riepilogo su quelle che probabilmente saranno le aliquote di detraibilità:

  • sismabonus 50% 

  • ecobonus 65%

  • bonus mobili con riduzione della spesa a 5.000 euro (attualmente 16.000)

  • bonus facciate proroga fino al 2022, ma con una riduzione della detrazione dal 90% al 60%.

Superbonus: le ultime conferme su proroga e aliquote

Cosa viene confermato nella nuova bozza della legge di bilancio 2022?

  • Resta il vincolo del tetto Isee di 25.000 euro annui per la proroga al 2022 del superbonus al 110% per le villette e le unita’ unifamiliari.
  • Confermata la proroga della cessione del credito e dello sconto in fattura anche per il superbonus al 110%, che vengono in questo caso prorogati fino al 31 dicembre 2025.
  • La detrazione del 110 per cento spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2023 per gli interventi effettuati dagli Istituti autonomi case popolari (IACP) e dalle cooperative, per i quali alla data del 30 giugno 2023 siano stati effettuati lavori per almeno il 60 per cento dell’intervento complessivo.
  •  Confermato anche il decalage dopo il 2023 per i condomini: al 70 per cento per le spese sostenute nell’anno 2024, al 65 per cento per quelle sostenute nell’anno 2025.

Sconto in fattura e cessione del credito: più controlli per i bonus

Il Governo intende introdurre controlli preventivi sullo sconto in fattura e la cessione del credito. In questo modo, le opzioni, scelte da tanti contribuenti che altrimenti non avrebbero avviato i lavori, potranno rimanere in vita, evitando però truffe.

La stretta riguarderà tutte le detrazioni fiscali. Secondo la bozza di decreto legge messa a punto dal Governo, il visto di conformità sarà obbligatorio anche per chi usufruisce direttamente del Superbonus, utilizzando la detrazione nella propria dichiarazione dei redditi. Il visto di conformità non sarà obbligatorio se la dichiarazione è presentata direttamente dal contribuente, attraverso l’utilizzo della dichiarazione precompilata.

Il visto di conformità sarà infine obbligatorio anche in caso di opzione per la cessione del credito e sconto in fattura per tutti i bonus edilizi. L’Agenzia delle Entrate potrà sospendere, fino a trenta giorni, l’efficacia delle comunicazioni delle cessioni per il controllo preventivo della correttezza delle operazioni.

Superbonus e altri bonus edilizi: come districarsi nella burocrazia

I cambiamenti continui sul Superbonus e i vari bonus edilizi rendono davvero difficoltoso gestire e portare a termine il gran flusso di pratiche connesse con le detrazioni fiscali. A questo si aggiunge il fatto che in Italia il 95% delle Aziende edili e dei Professionisti del settore non ha la struttura adatta per gestire correttamente questo iter burocratico.

Ecco perché sono nate e stanno nascendo soluzioni ad hoc per professionisti ed imprese edili che si occupano proprio di semplificare tale gestione.

Come? Beh facciamo qualche esempio per capire meglio:

  • Il servizio UNI-ECOBONUS  sviluppato da UNICEDIL – Associazione Nazionale Serramentisti,  si occupa della gestione delle pratiche per lo sconto in fattura legate ai bonus fiscali (bonus casa, ecobonus e bonus facciate). Un team di professionisti specializzati, fornisce un servizio completo a imprese edili e serramentisti:
    • Consulenza preliminare sullo sconto in fattura;

    • Controllo del preventivo e della fattura;

    • Gestione dalla documentazione da consegnare al cliente all’invio della pratica ENEA, dalla comunicazione all’AdE alla gestione della pratica sulla piattaforma (bancaria o postale) per la cessione del credito.

  • Superpratico è una piattaforma digitale di gestione di pratiche immobiliari. Ideata da esperti nel settore, semplifica al massimo i vari step relativi alla gestione delle pratiche del SuperBonus lasciando spazio alle Aziende e ai Professionisti per dedicarsi al lavoro sul campo.
  • La sperimentazione partita in Emilia-Romagna della nuova piattaforma telematica unitaria per le pratiche edilizie, pensata per agevolare l’utilizzo del superbonus 110%. Lo strumento è stato realizzato su iniziativa della Regione, con lo sviluppo affidato a Lepida ScPA, per semplificare la gestione dei procedimenti edilizi da parte di ingegneri, architetti e geometri.

Se da un lato l’accesso alle detrazioni fiscali connesse col 11o e gli altri bonus edilizi può risultare difficoltoso, dall’altro abbiamo visto che nascono sempre più soluzioni ad hoc per facilitare tale accesso.

Noi di EdilGo condividiamo la mission di un’edilizia più semplice, innovativa e digitale.